Bordeaux, la maison di Château Latour, tra le cinque grandi della storica classificazione del 1855, abbandona il sistema della vendita en primeur. Grandi cambiamenti in vista dopo quasi due secoli di tradizione commerciale?

Qui l’articolo completo di Eric Pfanner sul NYT: “A Revered French Winery Breaks With a Bordeaux Tradition“.

Qui la “versione” italiana di Luciano Ferraro sul Corriere DiVini: “Bordeaux, Pinault rompe la tradizione: addio ai ‘future’“.