La quarta settimana di questo gennaio 2013 si prospetta memorabile per l'Amarone della Valpolicella e i suoi appassionati: ben tre eventi caratterizzeranno la settimana, in particolare nei giorni 22, 24 e 26/27.

Eccoli in ordine cronologico:

  • "Amarone: a noi piace maturo" –  perdonerete l'auto-promozione, ma qui c'entra lo zampino del sottoscritto e della collega Elisabetta Tosi: è una serata del ciclo Terroir Amarone dedicata all’Amarone della Valpolicella, uno tra i più grandi vini rossi italiani e del mondo. Come tutti i vini di questo tipo, ha bisogno di tempo per esprimersi al meglio: non è mai consigliabile comprarlo e consumarlo appena dopo pochi anni dalla vendemmia, nonostante proprio questa sia la tendenza più recente. Per imparare a scegliere e degustare questo importante vino nel momento in cui può esprimersi al meglio, martedì 22 gennaio alle 20.30 presso il RistorArte Gran Can di Pedemonte (S.Pietro in Cariano, VR), terremo una degustazione alla cieca di Amarone della Valpolicella 2001 di alcune delle più importanti cantine della Valpolicella (qui l'elenco - adesioni per partecipare qui - costo €35 con cena leggera).
  • "Amarone in Villa"  - giovedì 24 Gennaio dalle 17.00 alle 23.00 - è il quarto appuntamento dedicato ai migliori Amarone della Valpolicella. Il set di questo incontro è l'affascinante Villa De Winckels a Tregnago (VR). Circa 50 le aziende produttrici che saranno presenti, con un'ottima rappresentanza di aziende della zona orientale della Valpolicella DOC: potrete trovare Amarone in commercio così come qualche annata meno recente. Ad accompagnare la degustazione un buffet dei prodotti tipici della Val d'Illasi (qui i dettagli – costo €40).
  • "Anteprima Amarone 2009" - sabato 26 gennaio dalle ore 16 alle ore 19 e domenica 27 dalle ore 10 alle ore 18 al Palazzo della Gran Guardia a Verona – decima edizione della rassegna curata dal Consorzio per la Tutela Vini della Valpolicella, dove una sessantina di aziende (su circa 250 produttori esistenti nella denominazione) tengono a battesimo l'annata 2009 con circa 100 etichette disponibili alla degustazione (qui i dettagli – costo €20 su invito).