Cover-#1La primavera 2011 porta con sè una piccola sorpresa. Il sottoscritto e l’amica e collega Elisabetta Tosi [blog: Vinopigro], sono lieti di presentarvi oggi, equinozio di primavera, il risultato di una lunga fatica: “Manuale di Conversazione per Eno-turisti“, sotto-titolo: “Le domande da fare per trovare il vino che cerchi“. Esce esclusivamente in formato digitale, si chiama eBook, si legge sul computer e, assai meglio, sull’iPad e tutti gli altri tablet, oltre all’iPhone e tutti i principali smartphone e i numerosi tipi di lettori di eBook disponibili nel mercato. Lo potete acquistare nel formato ePub o PDF, da oggi è offerto al prezzo speciale di €4,99 (fino al 11 aprile 2011, ultimo giorno del prossimo Vinitaly). Maggiori dettagli li trovate qui, insieme a un estratto-anteprima che potete leggervi qui. L’idea dietro questo lavoro è semplice, ci dicono anche che sia nuova. Nasce dall’esperienza personale di tante, tantissime visite nelle cantine. Ci siamo chiesti: al di là del tour in qualche modo imposto dalle aziende, esiste un modo per osservare “attivamente” il vigneto e la cantina? Esiste una possibilità per prefigurarsi una qualità (o meglio: una probabilità di qualità) da ciò che si vede, si annusa, si tocca durante la visita? Ancora prima di posare occhi, naso e bocca sul bicchiere di vino, possiamo costruirci un’immagine della qualità a partire dai dettagli che osserviamo e dalle risposte che riceviamo durante la visita? Se la verità di una risposta risiede in buona parte nella domanda, esistono “buone domande” da fare ai produttori, agronomi ed enologi che di solito ci accompagnano nel tour aziendale? Insomma, abbiamo provato a rovesciare l’approccio alla visita alla cantina. Di solito si parte da dove si finisce, ovvero dal bicchiere di vino offerto in degustazione di solito al termine delle visite. Sulla comprensione di ciò che contiene quel bicchiere si investono tutti gli sforzi: sommelier, critici, comunicatori, appassionati, tutti cercano di risalire al “come è stato fatto” quel vino, in un percorso di gambero che parte dal vino e cerca di risalire alla pratica produttiva. Noi abbiamo provato a segnalare le tracce della qualità (quella probabile e quella che ciascuno alla fine cerca, perché di qualità non ce n’è una sola!) a partire dall’ingresso in azienda. A voi lettori la prova. Siamo consapevoli che questo “manuale” è solo un primo tentativo di raccogliere e organizzare gli infiniti spunti. Col tempo contiamo di raffinare e migliorare il nostro racconto, magari anche con idee e critiche che arriveranno dai lettori.