Agosto, il più bel mese dell’anno. Con la scusa della distrazione degli
italiani, mandati tutti forzatamente in vacanza in agosto, la politica ne approfitta per "sistemare" alcune questioni. Questa volta parliamo del Governo che ha appena approvato l’ennesimo decreto sul Codice della strada. Inasprite le sanzioni per chi guida oltre i limiti di velocità e soprattutto in stato di ebbrezza alcolica:

  • Sono previsti tre diversi livelli di sanzioni:
    • Per la guida in stato di
      ebbrezza con tasso alcolico compreso tra 0,5 e 0,8 grammi per litro
      (g/l), la multa diventa da 500 a 2.000 euro. Confermata la pena
      dell’arresto fino a un mese e la sospensione della patente che può
      variare da 3 a 6 mesi (non più 15 giorni/tre mesi).
    • Per la guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico compreso
      tra 0,8 e 1,5 grammi per litro (caso non previsto finora dalla legge),
      la sanzione pecuniaria sale a 800-3.200 euro, con detenzione fino a 3
      mesi e sospensione della patente da 6 mesi a un anno.
    • Per la guida in
      stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per
      litro, la sanzione pecuniaria prevista parte da un minimo di 1.500 euro
      per arrivare a un massimo di 6.000 euro. La pena dell’arresto è
      prevista fino a 6 mesi e la sanzione accessoria della sospensione della
      patente da uno a due anni.

  • In ogni caso, la pena detentiva può essere
    commutata nello svolgimento di un’attività a titolo gratuito.
  • Le pene
    raddoppiano quando il conducente in stato di ebbrezza (di qualsiasi
    entità) provoca un incidente stradale (multa da 3.000 a 12.000 euro,
    sospensione della patente da 6 mesi a 2 anni).
  • Chiunque guida sotto
    l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope è punito con l’ammenda
    da 1.000 a 4.000 euro e l’arresto fino a tre mesi e sospensione della
    patente da 6 mesi a un anno.
    [fonte: Corriere della Sera.it]

Di fronte alla marea montante di incidenti stradali causati dall’abuso di alcol, in interazione con varie droghe, la politica, pressata da più parti, in particolare dalla solita isteria lunatica dei mass media, doveva fare qualcosa.

Ed ecco il decreto con le sanzioni di cui sopra. Speriamo servano, ma lo scetticismo critico è doveroso. Leggo su Il Sole 24 Ore di domenica 5 agosto che il Governo ha approvato in gran fretta i provvedimenti, pressando il Presidente della Repubblica alla firma degli stessi in modo da poterli renderli effettivi immediatamente.

Effettivi? Non proprio. Il decreto legge 117 del 3 agosto contiene un "rimando". Quando si fa riferimento agli autovelox e alle "tabelle sull’alcol" obbligatorie nei locali come le discoteche, si rimanda "a regolamenti che i ministeri dovranno emanare per dare attuazione alla normativa". Regolamenti che ancora non ci sono. Se va bene, verranno emanati a settembre. Il decreto è quindi firmato dal Presidente della Repubblica (ma glieli leggono i decreti che firma???), ma non è applicabile. Perché? In materia di autovelox il ministro Bianchi (titolare del dicastero dei Trasporti) fa scrivere che le postazioni di controllo dovranno "essere segnalate e ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli e e di dispositivi di segnalazione luminosi". Ma lo stesso ministro non ha approntato i regolamenti attuativi. Stesso discorso per le "tabelle sull’alcol", rese obbligatorie per decreto, da esporre nelle discoteche: tali tabelle avranno il potere taumaturgico di educare i frequentatori di discoteche "agli effetti dell’alcol e sul numero di bicchieri che si possono bere senza violare il Codice. (…) Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto (dispone l’art. 6) il ministro della Salute, con proprio decreto, stabilisce i contenuti delle tabelle di cui al comma 2".

Se le sanzioni non saranno applicabili per i dubbi sulla validità del decreto, aspettatevi ricorsi a fiumi, e oceani di articoli sui giornali e commenti nei telegiornali.

In ogni caso il Governo ha scelto ancora una volta la strada dell’inasprimento delle sanzioni. Serviranno a far fare cassa ai Comuni (soprattutto con le multe sugli eccessi di velocità), e a pizzicare per caso qualche ubriacone e drogato incallito al volante. Infatti, in Italia meno di un italiano su cento ha subito un controllo del tasso di alcol nel sangue. In Francia, nel 2005, le verifiche sul tasso alcolemico dei conducenti sono state circa 4,8 milioni. In Italia, nello stesso periodo, 0,440 milioni (o se preferite, 440 mila…),  ovvero dieci volte di meno [fonte: Maurizio Coppo, coordinatore tecnico della Consulta Nazionale per la Sicurezza Stradale, su Il Sole 24 Ore del 5 agosto 2007]. Il Governo ha annunciato investimenti per portare a 1 milione i controlli annui. In occasione del varo del decreto del 3 agosto, il Ministro Bianchi ha annunciato che arriveranno 6 mila etilometri in dotazione alle forze di Polizia.

«Ma i controlli non si fanno senza agenti» dice chi lo intervista. «Insieme con il ministro Amato abbiamo deciso di inserire nella
prossima finanziaria una cifra in bilancio a favore della Stradale. Che
ha bisogno di svecchiare il parco auto, avere manutenzioni puntuali,
benzina senza troppa parsimonia
». Nella prossima finanziaria. Aspetteremo.

Non basta dunque che un tranquillo bevitore di un paio di bicchieri
di vino rischi di venire equiparato ad un qualsiasi coglione che cerca lo sballo con
superalcolici e droghe. Non basta il dilettantismo di questi
professionisti della politica nel varare le norme.
Per l’incapacità
di dotarsi di Forze di Polizia in numero adeguato per presidiare le
strade, dissuadere gli automobilisti ed effettuare controlli, i
politici nostrani, con la cordiale collaborazione dei media, agitano lo
spettro dello stato-di-paura, alzano le sanzioni e inaspriscono i
divieti.

E voilà, ecco risolto il problema. E’ più facile vietare che governare.

Ottimo. E’ agosto, la sporcizia mettiamola sotto il tappeto, e tutti in vacanza!

————————-
Forse è il caso che gli appassionati wine lover sprovvisti di servitù astemia per farsi accompagnare in auto dopo una degustazione, si dotino almeno di un etilometro portatile per effettuare il test prima di mettersi alla guida. O prima che ve lo faccia la Polizia Stradale.

Ecco alcuni prodotti individuati online:

Sono sorpreso. Mi aspettavo una maggiore offerta di prodotti per il self-test del livello dell’alcol. E la Beghelli, cha fa la Beghelli?