Pichq1
Su invito di Giuseppe Carcereri, l’enologo della cantina Canoso (in Brognoligo, frazione di Monteforte d’Alpone, Verona), Aristide e l’ottima Elisabetta Tosi alias Lizzy (VinoPigro) hanno assistito alla pigiatura del Vin Santo di Brognoligo. Data la modesta quantità delle uve di Garganega messe in appassimento, la famiglia Meneghello, con il capostipite Giuseppe ed i figli Massimo e Primo, titolari della Canoso, amano ricorrere al processo manuale di pigiatura, utilizzando una vecchia ma efficace "mostarola" (alimentata con energia fornita dalle braccia di un manovratore, in questo caso Primo Meneghello), necessaria per rompere la buccia degli acini, ed un torchio per la pigiatura. L’azienda, per sua tradizione, prolunga l’appassimento fino all’epoca di Pasqua. La tradizione "ufficiale" assegna al Natale il momento ideale per la spremitura delle uve appassite: al riguardo, una delle pochissime fonti disponibili su Internet è questo pezzo dell’amico Roberto Gatti. Qui invece potete leggere il post di VinoPigro, con maggiori dettagli sul Vin Santo di Brognoligo, mentre nel seguito di questo post trovate il video di Aristide che documenta le fasi della pigiatura.

Ecco il video che documenta le operazioni manuali della pigiatura del Vin Santo di Brognoligo:

Pichq2

Video in "alta qualità" per chi dispone di connessione a banda larga di buona qualità: cliccare sull’immagine qui sopra.

Pichq3

Video in "qualità ridotta" per chi dispone di una connessione di qualità ridotta: cliccare sull’immagine qui sopra.

[Se non vedete il video, dovete scaricare QuickTime qui e installarlo nel vostro PC-Windows. I possessori di Apple Mac lo vedono e basta… Per avviare il video cliccate sulla "freccia" del tasto "play", in basso a sinistra, e attendere che la barra di caricamento del video raggiunga circa 1/3 della sua lunghezza]

———————————–

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 2.5  License.