Degust1 Il talk show della rassegna "Bordolesi Cabernet Merlot", celebrata dal 14 al 15 ottobre a Sarego (Vicenza), nella Villa La Favorita, è stato seguito dall'apertura della degustazione di oltre 300 etichette basate su Cabernet, Merlot e piccole presenze di Carmenère e Petit Verdot. Molto buona l'organizzazione diretta da Aldo Lorenzoni, direttore del Consorzio di Tutela del Soave, e del suo staff, e Villa La Favorita è una location ormai sperimentata e assai valida per questo tipo di eventi, oltre che suggestiva.

Ottima anche la "Guida alla Degustazione", un libretto di 164 pagine: mi permetterei soltanto di suggerire agli organizzatori – per la prossima edizione – di numerare le postazioni dei molti vini presenti ed indicarne il numero sulla guida, allo scopo di facilitare l'individuazione di produttori ed etichette.

Aristide si è impegnato in una degustazione "a campione", dall'Alto Adige alla Sicilia. Esattamente come nell'edizione 2005, vi confermo l'estrema variabilità (compresa tra l'eccellenza ed i valori medi) di quanto soggettivamente degustato.

E come nell'edizione passata, stesso "cinema" davanti alla postazione del Sassicaia: solo 6 bottiglie dell'annata 2003 per affrontare l'intera due giorni, istantaneamente "vaporizzate" dalla calca di visitatori, per lungo tempo in attesa dell'ostensione ai "fedeli" del prezioso nettare.

Guadoalmelobolgheri E mentre la calca si "scannava" per qualche goccia di Sassicaia, solo pochi centimetri più in là c'era quel che Aristide considera il vino "rivelazione" di questa edizione della rassegna "Bordolese, Cabernet, Merlot": il Bolgheri Superiore DOC 2003 del Podere Guado al Melo di Michele Scienza. E' doveroso segnalare che:

  • Michele è il figlio del prof. Attilio Scienza, ordinario di viticoltura all'Università di Milano;
  • l'azienda Guado al Melo è dotata di blog!

Il podere dei Scienza si trova nel comune di Castagneto Carducci (LI – Toscana), a nord del villaggio e al centro del territorio del Bolgheri DOC. I 12 ettari di vigneti sorgono nella stessa zona di Grattamacco e del Cà Marcanda di Angelo Gaja. Il Bolgheri Superiore 2003 nasce da uve Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot. Vinificato in acciaio e maturato in barrique in minima parte nuove (solo il 10%), ci è sembrato assai ben equilibrato ed elegante, nonostante l'impegnativa annata 2003, ricco di note balsamiche. E, cosa che non guasta affatto, con un ottimo prezzo: 26-27 Euro in enoteca (22 Euro in cantina, al pubblico). Della stessa azienda, interessante anche il Bolgheri DOC 2003, un vino trovabile in enoteca a 20-22 Euro.

Tra tutti gli altri vini degustati, ecco quali ci ricorderemo:

  • Campo Buri 2004, La Cappuccina, (Carmenère e Oseleta)
    Veneto, €25-35 in enoteca
  • Luna Selvatica 2004, La Tosa,  (Cabernet Sauvignon, Merlot)
    Emilia e Romagna, €17-20 in enoteca
  • Stoppa Colli Piacentini DOC 2003, Stoppa (Cabernet Sauvignon, Merlot e altri vitigni bordolesi)
    Emilia e Romagna, €19-22 in enoteca
  • Canà 2004, La Biancara di Angiolino Maule (Cabernet Sauvignon, Merlot)
    Veneto, €13 in enoteca
  • Pupà Pepu 2003, Podere Brizio – Roberto Bellini, (Merlot, Cabernet Sauvignon)
    Toscana, €45-55 in enoteca
  • Bradisismo Veneto Rosso 2003, Inama, (Cabernet Sauvignon, Carmenère, Merlot)
    Veneto, €25-35 in enoteca
  • Fojaneghe 2003, Conti Bossi Fedrigotti, (Merlot, Cabernet Sauvignon)
    Trentino, €17-18 in enoteca
  • Burdese 2003, Planeta, (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc)
    Sicilia, €18,50-21 in enoteca

Infine, ecco il video "Bordolesi Cabernet Merlot, un talk show a Villa La Favorita":


—————————

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivs 2.5  License.